BENVENUTI!!!


Un grande benvenuto a tutti coloro che si troveranno a passare, anche solo per puro caso, sul nostro blog! Buona navigazione! Stefano e Veronica

Orario

"La scoperta di un piatto nuovo è più preziosa per il genere umano che la scoperta di una nuova stella" Anthelme Brillat-Savarin, Fisiologia del gusto, 1825.

sabato 30 ottobre 2010

Dolcetto o scherzetto? Scherzetto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!



Ebbene sì...nel nostro caso la previsione si è avverata!!!
Avevo deciso di preparare qualcosa di dolce per la festa di Halloween...tanto per seguire la tradizione del "dolcetto o scherzetto?" ma evidentemente qualcosa è andato storto...visto il risultato che potete ammirare!!! :) Per fortuna l'intenzione era quella di mangiarlo solo noi...perchè se avessi avuto ospiti penso che mi sarebbe venuta una crisi di nervi!!!
Peccato...perchè, come mio solito, prima ancora di sfornarlo e vedere effettivamente il risultato mi ero già immaginata come avrei potuto decorarlo utilizzando le simpatiche candeline a "zucchetta" e la tovaglietta nera nuova di zecca comprata durante l'ultima mia "retata" da Ikea ...insomma mi ero fatta un gran film in testa! Ma evidentemente...non doveva andare così! E il plum cake ai due cioccolati (fondente e bianco), la cui ricetta ho trovato su una rivista, che sarebbe dovuto essere una vera delizia...si è rivelato un disastro! E non sò neanche spiegarm
i cosa sia realmente successo visto che ho seguito alla lettera le indicazioni...e prima di sfornarlo ho fatto la fatidica prova dello stecchino! E meno male...!!! :) Fatto sta che al momento di toglierlo dallo stampo...beh lo vedete da voi!!! L'ho pubblicato solo perchè quando tutta afflitta stavo per buttarlo via...Stefano se n'è uscito simpaticamente con la frase "Dolcetto o Scherzetto?! Scherzetto!!!" che almeno mi ha fatto tornare il sorriso! E poi d'altronde sono ancora "un'aspirante chef" e gli incidenti di percorso li devo, ahimè, tenere in conto...anche se provo tanta vergogna a presentarla voi che siete uno più bravo dell'altro!
Io cmq la ricetta ve la do lo stesso perchè, come potete ammirare dalla foto della rivista che v'ho messo a confronto, dovrebbe essere uno spettacolo...e poi da quel poco che ho potuto assaggiare non era male!

Ingredienti:
150 g di cioccolato fondente
150 g di cioccolato bianco
250 g di farina
4 uova
180 g di zucchero
200 g di burro
1 bustina di lievito per dolci
100 ml di latte
1 pizzico di sale

In una terrina capiente lavorare le uova intere con lo zucchero. Incorporare a pioggia la farina setacciata con il lievito continuando a mescolare. Aggiungere amalgamando 170 g di burro fuso, il latte, il cioccolato fondente fuso con 30 g di burro (a bagno maria o con il microonde) ed un pizzico di sale. Versare 1/3 del composto in uno stampo da plum cake imburrato ed infarinato, adagiare in modo allineato la metà del cioccolato bianco lasciato a tocchetti. Ricoprire ancora con 1/3 di impasto ed ripetere l'operazione con il cioccolato bianco rimasto. Terminare con il composto rimasto. Infornare a 180° per 35 minuti (io, causa forno piccolo, 160° per il medesimo periodo di tempo). Lasciare intiepidire e sfornatelo.

(Probabilmente io mi sono fatta trarre in inganno dalla prova dello stecchino...Se mai vi venisse in mente di provarlo o se già lo avete fatto visto che il numero della rivista "Cucinare Bene" è recente, sempre se vi va, fatemi sapere...grazie!)
E cmq BUON HALLOWEEN A TUTTI!

giovedì 28 ottobre 2010

Tempo d'autunno...conchiglie con funghi misti, speck e castagne





Tempo d'autunno...tempo di castagne anche per il nostro blog! Abbiamo avuto la fortuna di riceverne da un amico di mio padre una sacchettina in regalo...di quelle naturali, appena raccolte...e così, oltre a gustarcele arrostite sulla brace del camino, abbiamo deciso di utilizzarle per questo primo piatto dal sapore tipicamente autunnale e che ben si adatta ai primi freddi...l'idea di questo gustoso abbinamento ci è venuta mangiando più di una volta una pizza in una delle nostre pizzerie preferite...e così ci siamo detti: perchè non riproporlo con la pasta? Ottima decisione!!! :) Quanto ai funghi...liberissimi di scegliere la varietà che più vi piace...dai porcini ai champignon passando per tutte le altre!

Per 4 persone
...
1 confezione di funghi misti surgelati
4 fettine di speck
una dozzina di castagne già cotte
1 spicchio d'aglio
olio extra vergine d'oliva
sale

In una capiente padella con l'aggiunta di un filo d'olio far rosolare fino alla croccantezza desiderata lo speck sminuzzato. Nella stessa padella, da cui avrete tolto lo speck ormai pronto, aggiungere lo spicchio d'aglio ed eventualmente dell'altro olio e versare i funghi ancora surgelati. Cuocerli per circa 15/20 minuti e salare. A fine cottura riunire lo speck ai funghi. Sgusciare le castagne già cotte (noi abbiamo utilizzato quelle arrostite la sera prima sulla brace del camino ma, in alternativa, potete lessarle o prepararle in forno) e tagliarle a tocchetti. Nel frattempo lessare la pasta e scolarla al dente. Mantegarla al condimento ed aggiungere le castagne...buon appetito!

Tempo di candy...Partecipate anche voi al tenero candy di Viola che in occasione dei suoi 200 e più sostenitori e con l'avvicinarsi del Natale ha avuto un pensiero carino per tutti noi...decidendo di donare un bellissimo regalo al fortunato vincitore...andate a vedere di che si tratta e, se non lo fate già, seguitela...troverete ad aspettarvi una persona deliziosa e delle fantastiche ricette!
E perchè non provate ad indovinare come abbiamo fatto noi quanti anni compie Julia? Un simpaticissimo giochino per conoscerla meglio...e per passare da lei e scoprire il suo gustosissimo mondo! Affrettatevi...Avete tempo fino al 30 ottobre! Ed ovviamente, vale anche per lei l'invito a seguirla! :)

Tempo di staffetta...

Grazie mille a Iaia e a Minù che molto carinamente hanno passato a noi il testimone della staffetta dell'amicizia....un modo simpatico per andare oltre le doti culinarie di ognuno di noi... e conoscerci un pochino di più!! Secondo il regolamento bisogna rispondere alle otto domande di seguito ed invitare altri 14 blog a fare lo stesso...Visto che "c'è...ma non si legge...", dato che è un pò un "orso" (chiedetegli di cucinare...e sarete esauditi...ma non chiedetegli di lasciarsi andare alle parole...soprattutto sul blog! ), ho pensato che questo piccolo e simpatico questionario sarebbe stato un altro modo carino per presentarlo a voi..eccovi le risposte di Stefano:

1) Quando da piccoli vi domandavano cosa volevate fare da grandi cosa rispondevate?
Il pilota
2) Quali erano i vostri cartoni animati preferiti?
Carletto, mazzinga zeta, ken il guerriero, e tutto super 3
3)Quali erano i vostri giochi preferiti?
La palla
4)Qual'è stato il vostro più bel compleanno e perchè?
I 18 anni perchè è stato l'unico compleanno che ho festeggiato con più di 100 persone
5)Quali sono le cose che volevate assolutamente fare e che non avete ancora fatto?
Entrare in polizia
6) Qual'è stata la vostra prima passione sportiva e non?
Booh!!! Neanche io lo so.
7) Qual'è stato il vostro primo idolo musicale?
Gigi Dag.
8) Qual'è stata la cosa più bella chiesta (ed eventualmente ricevuta) a Babbo Natale, Gesù Bambino, Santa lucia?
Ma chi si ricorda! Neanche sapevo a quale Babbo Natale scrivere.


Non mi ricordo precisamente chi l'abbia già ricevuta oppure no...noi cmq passiamo la staffetta a:
Mon Petit Bistrot; Naso da Tartufo; La Cucina di Valentina; Le Pellegrine Artusi; Cuore di Memmea; Kifi La Cocinera; Il Ricettario di Casa; In cucina per caso; Le ricette di Elisina; Peperoni e Patate; Oggi Pane e salame, domani...; Lady Boheme; A tutta cucina; Piccolo Spazio, grandi ricette;


domenica 24 ottobre 2010

Eccoci di nuovo tra voi...con le chicche ai funghi misti e vongole veraci






Buona domenica a tutti!
Scusate la latitanza forzata dai vostri blog e dal nostro...ma i problemi di connessione prima...e la febbre alta con annessa otite di Cristiano per una settimana poi, che per fortuna ora ci siamo lasciati alle spalle, mi hanno impedito di seguire tutte le vostre prelibatezze...ho giusto potuto sbirciare qualcosina in quei brevissimi e rari momenti di tranquillità...ossia quando non ero sul divano con Cristiano poverino febbricitante spalmato su di me a guardare l'intera programmazione di Rai Yo Yo...(subirsi 2/3 volte in un giorno lo stesso episodio di "Sandrino" o di "Noddy" può essere un pochino snervante... ) o quando, insieme a Stefano, non ero intenta a cercare di fargli l'aerosol, di mettergli le gocce o le supposte di tachipirina o, impresa alquanto ardua, di fargli prendere l'antibiotico...Cmq, ora che stiamo tornando alla normalità e la preoccupazione è passata, tornerò a trovarvi uno per uno...e a partecipare ai vostri contest...giusto il tempo di riprendere un pò il ritmo ma non prima di avervi ringraziato per essere passati lo stesso a trovarci...e avervi lasciato una nuova ricetta di Stefano!
Questo favoloso primo piatto l'ha preparato in occasione del mio compleanno, ormai passato da circa due settimane..., quando per cena gli ho chiesto gentilmente di prepararmi qualcosa di buono a base di pesce...e lui, che per me è uno chef favoloso, ha esaudito il mio desiderio...prendendo spunto da una ricetta assaggiata in un ristorante. Vi posso assicurare che la sua, secondo me, era molto molto più buona....


Vi occorrono...
1 confezione di funghi misti surgelati
1 sacchetto di vongole veraci
1 confezione di chicche
2 spicchi d'aglio
1 peperoncino secco
prezzemolo
olio extra vergine d'oliva
sale

Mettere in ammollo in acqua salata le vongole veraci il tempo necessario per spurgarle dalla sabbia. In un'ampia padella versare un filo d'olio, aggiungere lo spicchio d'aglio e il peperoncino ed unire i funghi ancora surgelati. Cuocere per circa 15/20 minuti e salare. In un'altra padella con un filo d'olio e un altro spicchio d'aglio riunire le vongole ormai spurgate, coprire con un coperchio e cuocerle fino a quando non si apriranno. Filtrare il liquido ottenuto e tenerlo da parte. Riunire le vongole ai funghi. Cuocere in abbondante acqua salata con un goccio d'olio le chicche, scolarle non appena vengono su e mantegarle al condimento aggiungendo, qualora la preparazione risultasse un pò asciutta, il liquido dei molluschi tenuto da parte. Completare con foglioline di prezzemolo e...buon appetito!!!
Stefano e Veronica

Solo ora riusciamo anche a parlare del premio donatoci da Luca e Sabrina del blog "Sapori di Vini"...grazie ancora ragazzi! Visto che bisogna scrivere 10 cose che si amano fare abbiamo deciso di dividercele....cinque per uno di cui una uguale per entrambi...




Veronica...
1) Trascorrere del tempo in serenità con Cristiano e con Stefano...
2) Leggere, leggere e ancora leggere....
3) Viaggiare...città d'arte e località di mare...
4) Stare in compagnia delle persone più care...
5) Non poteva essere altrimenti, cucinare...

Stefano...
1) Stare con Cristiano e Veronica divertendoci e rilassandoci insieme...
2) Divertirsi con il computer e con l' iphone...
3) Portare a spasso e coccolare il nostro cane Gioconda...
4) Andare a pesca...
5) Cucinare il pesce e preparare la pizza e la pasta fresca in casa...

In teoria dovremmo girarlo a 10 blog ma preferiamo donarlo virtualmente a tutti voi che passate a trovarci, che molto carinamente lasciate i vostri commenti e che, soprattutto, incoraggiate le nostre prove in cucina...insomma, GRAZIE!!!

mercoledì 13 ottobre 2010

Castellane con panna, speck e pistacchi di Niky






Buon pomeriggio!
Eccoci con un'altra ricetta per la rubrica "I nostri amici in cucina". Questa volta l'autrice è la mia carissima amica Niky. La nostra amicizia è iniziata sui banchi di scuola del liceo quando eravamo appena delle adolescenti...ed è diventata sempre più speciale ed importante con il passare degli anni tanto da diventare oggi inseparabili. Siamo diventate grandi insieme, condividendo e gioendo dei traguardi raggiunti dall'una e dall'altra e sostenendoci nei momenti di necessità...E poi, insieme al suo ragazzo Andrea, è una zia fantastica per Cristiano...premurosa, dolce...una madrina di battesimo fantastica! Se poi aggiungete anche che è una psicologa dell'età evolutiva...! :)
E' proprio vero che chi trova un amico trova un tesoro...ed io posso dire che sono stata molto fortunata!!! Grazie di cuore Niky!!!
Venendo alla ricetta, questa pasta è semplicemente buonissima...io l'adoro!!! E lei molto carinamente ogni volta che siamo suoi ospiti e di Andrea la prepara in mio "onore" perchè sa che ne vado matta....se non la conoscete già, vi consiglio di provarla: speck e pistacchi insieme sono una garanzia!!! :)
Complimenti alla cuoca!!! :)

Per 4 persone vi occorrono:
150 g di speck
50 g di pistacchi
1 confezione di panna da cucina
olio extra vergine d'oliva
Castellane o altro tipo di pasta corta a piacere q.b.

In una padella con un filo d'olio extra vergine d'oliva far rosolare bene bene fino a farlo diventare croccante lo speck tagliato a listarelle. Sgusciare i pistacchi e tritarli grossolanamente. Lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolarla al dente e ripassarla in padella mantegando la panna ed aggiungendo lo speck e i pistacchi.
E buon appetito a tutti!

venerdì 8 ottobre 2010

Un cuore di torta paradiso...e un pò di noi...per il contest "Un gioiello nel piatto"






Quando ho letto di questo contest proposto da Fabiana del blog "La zuppa di bottoni" ho pensato che sarebbe stato carino raccontare anche un pò di noi...e così abbiamo deciso di condividere con voi due importantissimi momenti della nostra vita in comune...il matrimonio e la nascita di nostro figlio che si sono svolti quasi contemporaneamente. Ecco perchè la scelta di unire le fedi nuziali e il ciondolo a forma di bimbo che lo rappresenta simbolicamente. Vi raccontiamo in breve la storia dicendovi subito che abbiamo fatto giusto un pochino :) le cose al contrario...! La tradizione non è il nostro forte! :) Abbiamo desiderato e cercato un bambino dopo 6 anni che stavamo insieme quando Stefano aveva 25 anni e io ne dovevo compiere 24 ma, soprattutto, quando ognuno ancora abitava a casa con i propri genitori in attesa di trovare una sistemazione tutta nostra. A me, inoltre, mancava ancora la tesi per ultimare l'università...insomma non propriamente il momento ideale ma il desiderio di maternità era diventato talmente grande che solo vedere una donna incinta mi faceva commuovere e poi Stefano, che non finirò mai di ringraziare per questo, condivideva con me la stessa voglia di diventare padre nonostante avesse qualche timore in più dovuto al fatto che sarebbe stato da solo a lavorare, almeno per il momento. Nonostante ciò, anche se questo a qualcuno potrà sembrare alquanto irrazionale e forse incosciente, ai nostri occhi tutto diventava di secondaria importanza rispetto alla gioia che avremmo provato nel tenere in braccio il nostro bambino e alla felicità nel vederlo crescere. E così quando ho scoperto di essere rimasta incinta ci siamo affrettati nel cercare una piccola casa in modo da trascorrere da soli e in serenità la gravidanza e abbiamo iniziato la convivenza neanche a farlo apposta, il giorno del mio ventiquattresimo compleanno...
per me è stata una coincidenza bellissima!
Il matrimonio inizialmente non rientrava nei nostri immediati progetti...pensavamo che ci saremmo sposati con calma dopo la nascita del bambino ma con l'avvicinarsi del lieto evento abbiamo sentito l'esigenza di formalizzare almeno civilmente la nostra unione. Sentivamo che sarebbe stata la cosa più giusta per il nostro bimbo. E così siamo arrivati al 30 aprile del 2008 quando, ormai incinta di nove mesi ( potete immaginare la mia leggerezza...) e con Cristiano che, visto che già da tempo scalpitava per conoscerci...avrebbe potuto farci da un momento all'altro la sorpresina (chissà se faremo in tempo a sposarci? è la domanda che ci siamo ripetuti fino all'ultimo...), ci siamo sposati in Comune e abbiamo festeggiato giusto con un piccolo ricevimento a casa per i parenti e gli amici più stretti. E il 5 maggio, appena qualche giorno dopo, è nato con un pò d'anticipo il nostro dolcissimo bimbo. Ci piace pensare che abbia voluto regalarci una piccola luna di miele...anche se trascorsa ovviamente a casa in attesa del bellissimo momento in cui lo avremmo visto e stretto a noi per la prima volta..! :)
Il nostro sogno è ancora quello di arrivare un giorno all'altare accompagnati da Cristiano e magari anche dal fratellino o dalla sorelllina...e, perchè no, regalarci un bel viaggio di nozze! Ma nel frattempo ci culliamo nel pensiero che non avremmo potuto prendere nella nostra vita una decisione migliore...tanto che, nonostante qualche sacrificio a cui siamo andati incontro, rifaremmo tutto daccapo altre mille volte!!! :)
La gioia di un figlio, e chi lo ha lo sa bene, è inappagabile...!!! :)

Quanto alla ricetta (presa dalla rivista Cucina Moderna di qualche anno fa) abbiamo scelto la torta paradiso (per l'occasione a forma di cuore) perchè è una delle torte che più amo preparare sapendo che Stefano l'adora per la sua semplice bontà e sofficità...

Ingredienti:
130 g farina
20 g di fecola di patate
30 g di farina di mandorle (noi l'abbiamo sostituita con delle mandorle tritate finissime)
250 g di burro
200 g di zucchero
6 tuorli
4 albumi
1/2 bustina di lievito per dolci (noi ne abbiamo utilizzata 1 intera)
la scorza grattugiata di 1 limone
1 pizzico di sale

Lavorare il burro ammorbidito in una ciotola con le fruste elettriche. Aggiungere con gradualità lo zucchero, un tuorlo alla volta e la scorza grattugiata del limone. Unire la farina, la fecola di patate e il lievito setacciati insieme e le mandorle tritate in modo finissimo (nel caso l'utilizziate, setacciare la farina di mandorle prima di unirla al composto). Montare a neve con un pizzico di sale gli albumi ed incorporarli con delicatezza all'impasto. Versarlo in uno stampo imburrato ed infarinato o foderato con carta da forno bagnata e strizzata e cuocere a 170 ° per 45 minuti (noi avendo il forno piccolo l'abbiamo infornata a 150° per 30 minuti). Una volta cotta la torta, far raffreddare e cospargere con zucchero a velo.
Buon fine settimana a tutti!
Stefano e Veronica

lunedì 4 ottobre 2010

Frittelline di patate


Buon pomeriggio!
Tanto per cominciare la settimana in leggerezza...oggi frittura...:)con delle gustosissime frittelline di patate! La ricetta, tanto facile quanto buona, è di Luisanna Messeri de "Il Club delle Cuoche" e l'ho trovata su Alice Cucina di giugno. Vi indico le dosi (x 6 persone) riportate sulla rivista con le nostre modifiche tra parentesi.
Buona settimana a tutti!

Vi occorrono:
600 g di patate (noi aumentiamo la dose sempre all'incirca ad 1 kg ottenendo all'incirca una dozzina di frittelle)
2 cipollotti (noi non li mettiamo)
2 cucchiai di maizena
sale e pepe nero
olio extra vergine d'oliva (o altro olio che preferite per friggere)


Pelare e sciaquare le patate. Con una grattugia a fori grossi grattugiarle, riporle in uno scolapasta o colino e lasciarle riposare (io all'incirca le tengo una mezz'ora) in modo da fargli perdere l'acqua. (Se li utilizzate, fare la stessa cosa con i cipollotti unendoli alle patate). Versarle in una ciotola, amalgamare la maizena, aggiungere una presa di sale e una di pepe. Formare le frittelle compattandole bene bene per far uscire l'eventuale acqua ancora presente. Friggere in abbondante olio caldo, adagiarle su carta assorbente e servire...molto buone anche tiepide! :)
Buon appetito! Stefano e Veronica